LA FAMIGLIA ZAMPERETTI IN VACANZA,a Gabicce mare da 1929!!

28 giugno 2015 § 1 Commento

11401164_10206926848638746_3834146115543846505_n

 

Nella foto la famiglia dei nonni (a destra il nonno in accappatoio, alla sua destra la nonna con in braccio l’ultima nata,Ornella e alla sua sinistra uno dei figli maschi,Peppino, alla destra della nonna, mio padre, Arnaldo e davanti in “vestivamo alla marinara, la maggiore, Antonietta.

e poi lesorelle del nonno con marito di una di queste(lo zio Fogolin,quello che sembra Gian burrasca) con figli .

Il posto,Gabicce Mare,sullo sfondo Gabicce monte. Le mie vacanze da piccola erano FAVOLOSE..i miei nonni avevano una casa sulla spiaggia,a Gabicce mare,allora la chiamavano la perla dell’Adriatico,per il mare pulito, finiva lì infatti la lunga costa dell’Adriatico e iniziava la parte montuosa. Ad inizio stagione, alla fine di maggio, primi giorni di giugno, di partiva per il mare;il viaggio   sulla topolino decappotabile,alla guida mio padre e di fianco mio nonno,tutte e due in canottiera,dietro io issata sopra al cumolo di lenzuola ,credo fosse il 1950.. Il viaggio da Bologna pareva non finire mai( non c’era ancora l’autostrada) e bisognava fermarsi per pranzare a Rimini( e ogni volta mi veniva spiegato cosa era successo sul Rubicone)  l’arrivo a Gabicce veniva segnalato dal rumore degli zoccoli e dall’odore dell’Ambra solare..ed era subito estate!che per me era all’insegna della libertá,ero padrona del paese,tutti i negozianti mi conoscevano e passavo l’estate con un costumino di tela blu,una canottiera e ..gli zoccoli. se ero stata brava la nonna il giovedì mi dava le 50 lire che servivano oer andare alla”perla azzurra” un locale da ballo che una volta alla settimana si dedicava ai bambini; allora mi rivestivo,finalmente da bambina…crescendo mi capitava di sentirmi frustrata ,perchè avendo la casa sulla spiaggia( e un capanno in giardino) si andava a fare il bagno e poi si tornava in casa o in giardino a prendere il sole,non avevamo l’ombrellone,come avevano le altre bambine ,che passavano  i 15 giorni di vacanza in una delle tante pensioncine che stavano fiorendo anno dopo anno,con le mamme che sferruzzavano ,e non mi era mai venuto in mente che ero invece una privilegiata..questo periodo stupendo è proseguito nell’adolescenza,con i primi amori e i balli con il juke-box( credevo si dicesse jubox..) il mio mondo non andava oltre i forse 800 metri del corso,fino al porto canale,dove per 10 lire una barchetta ci portava a Cattolica,che per noi era come andare in cittá..per non parlare di Riccione,una volta diciottenne ci andai con il Velosolex,un motorino che tirando il motore in alto diventava una bicicletta..arrivata a Riccione finì la benzina..sono tornata pedalando..

unnamed

IMG_1297(1)nella foto qui sopra mio padre, in costume intero a righe e ..giacca e nella foto a fianco la sorella,Ornella la bella di casa…

Annunci

GABICCE MARE,come eravamo

26 febbraio 2014 § Lascia un commento

 

unnamed

MATRIMONI DI FAMIGLIA

20 dicembre 2013 § 3 commenti

TOMMASO E CAMILLA:14 DICEMBRE 2013

image1

image3

image2

20131220-092019

1511384_10200973639735771_428213732_n

20131220-092033

20131220-092049

20131220-092158

20131220-093204

1463948_10152147395885879_1757588800_n

20131220-093231

foto(523)

foto(522)

foto(521)

foto(515)

foto(508) foto(507) foto(523)

E a seguire,il viaggio di nozze,prima Singapore

a2b7fda61a0e02f6eaa722691a248663

d8952afd0bed270b383e535a8ee49dd9

a1880210b586603c4007389d767c50ed Ultimo dell’anno :

394da8df6363742d5c103909176dbb16

E poi Filippine

20140103-173942.jpg

IMG_20131229_122310

foto 1(14)

foto 2(16)

foto 3(10)

foto 4(6)

foto 5(1)
DSC_0139
br />
20140106-201701.jpg
DSC_0283
DSC_0288

GIULIO E LUDOVICA..e Vittorio..!il primo dei magnifici 5, allora di 2 anni, che porterà le fedi a mamma e papà(arrivato all’altare gliele ha tirate..)

DSC_0139

DSC_0129

DSC_0023

<

Capelli rossi

11 settembre 2013 § 3 commenti

20130911-140648.jpg

20130911-140655.jpg

20130911-140703.jpg

20130911-140712.jpg

20130911-140719.jpg

20130911-140729.jpg

20130911-140749.jpg

20130911-140837.jpg

20130911-140904.jpg

20130911-140925.jpg

20130911-141022.jpg

20130911-141123.jpg

E poi vorrei tanto sapere chi è questo ragazzo, che assomiglia in modo impressionante a mio figlio Tommaso,la foto è stata fatta questa estate sul corso di Orbetello,non ho avuto il coraggio di parlargli, nel timore che mi prendesse per pazza…ma se qualcuno lo conosce,ditegli di contattarmi, mettendo un commento a questo articolo:

20130911-141153.jpg

TOMMASO SUPERMAN

16 dicembre 2012 § Lascia un commento

481868_10151300265527068_700520260_n

La beffa della tariffa bioraria L’energia di notte ora costa di più

13 aprile 2012 § Lascia un commento

La beffa della tariffa bioraria
L’energia di notte ora costa di più

L’arrivo delle rinnovabili ha rivoluzionato il mercato elettrico

Contatori (Ansa)Contatori (Ansa)

MILANO – Fare andare la lavatrice di notte per risparmiare sulla bolletta. Oppure la lavastoviglie, il ferro da stiro, lo scaldabagno, ma tassativamente dopo le sette di sera o prima delle otto del mattino. Si chiamano «tariffe biorarie» e sono diventate popolari dalla seconda metà del 2010. Ma ora, dopo due anni, rischiano di tramutarsi in una mezza delusione. O quanto meno in una promessa sempre più difficile da mantenere appieno: si era partiti puntando su un progressivo incremento del risparmio in bolletta per i consumatori, dal 5% in su. Adesso ci si accorge che, rebus sic stantibus , non sarà più possibile. Per provare a incidere con un incentivo concreto sulle abitudini di consumo degli italiani bisognerà procedere come minimo a una revisione dell’attuale meccanismo.

Che cosa è successo? Che ci si è messa di mezzo una rivoluzione del mercato dell’energia. In sintesi: l’energia elettrica, nelle fasce serali, oggi non è più così a buon mercato come è storicamente stato. Anzi, in qualche caso il suo prezzo è addirittura superiore a quello delle «ore di punta», la fascia oraria tra le 8 e le 19 che va dal lunedì al venerdì e che concentra i maggiori consumi. Intendiamoci: chi ha stipulato contratti «biorari» sul libero mercato o non si è mai affidato a offerte alternative a quelle previste dall’Autorità (la «maggior tutela») continuerà a pagare quanto previsto da ciò che ha sottoscritto (e finché dura il contratto). Chi ha optato per la formula che va per la maggiore sul mercato libero, quella «flat» (tutto compreso e prezzo bloccato per un periodo predeterminato), non vedrà differenze. Ma l’idea che la tariffa bioraria consenta di difendersi dagli aumenti in bolletta dovrà in qualche modo essere ripensata. E con essa anche il proposito «strategico» di cambiare il modello di consumo degli italiani.

Ciò che è accaduto è il risultato dell’irruzione sul mercato elettrico delle energie rinnovabili, eolico e fotovoltaico: 6.600 megawatt di potenza installata a fine 2011 per il primo e 12.500 megawatt per il secondo. Quando vanno a pieno regime, prevalentemente durante le ore diurne e quindi di «picco», hanno diritto di precedenza su tutte le altre forme di energia. La conseguenza è che il parco delle centrali elettriche a gas, «spiazzato» dai nuovi venuti, è stato via via confinato in orari periferici, e si attiva con minor frequenza. Quando il sole tramonta, però, si assiste a un evento particolare: non solo vengono a mancare quasi d’improvviso le forniture di energia rinnovabile, ma il sistema deve anche affrontare l’innalzamento serale dei consumi, una «rampa di carico» inferiore a quella della mattina presto, ma non trascurabile. Per coprirla si richiamano in servizio le centrali a gas, ma questo continuo «stop and go», e la necessità di tenere accesi e pronti all’intervento gli impianti, ha un costo. Di più: le aziende proprietarie sanno benissimo che hanno poche ore nella giornata per «recuperare» i margini necessari per ripagare almeno il combustibile. E si muovono di conseguenza, tenendo alti i prezzi.

Risultato: nel 2011, nelle ore di maggior produzione fotovoltaica (dalle 7 alle 16), l’incremento di prezzo è rimasto contenuto al 7% rispetto al 2010. Nelle altre ore è cresciuto invece del 20%. Nella fascia dalle 17 alle 21, nell’ultimo quadrimestre 2011, è stato del 30%. Lo scorso marzo si è assistito addirittura al sorpasso: il prezzo delle ore serali ha superato (93 euro/mwh contro 83) quello delle ore diurne. Se ad essere colpiti sono i cittadini ancora in «maggior tutela» (e le aziende che hanno concentrato i consumi di notte) urge comunque una correzione del sistema, magari scadenzando diversamente la divisione tra ore «di punta» o «intermedie» o «fuori punta». L’Autorità per l’energia ci sta pensando, ma la questione è delicata perché riguarda il «messaggio» da trasmettere ai consumatori. E in questi tempi difficili il rischio di disorientarli è elevato.

Stefano Agnoli

TENIAMOCI IL GOVERNO TECNICO!

5 marzo 2012 § 1 Commento

Non ho molto da aggiungere al titolo; come pensavo da tempo, non si governa con le ideologie, di destra o di sinistra(quelle di centro poi..!) ma ..con le ..potrei dire PALLE ma non è carino che una signora si esprima in questo modo, allora diciamo con una laurea in Economia..?

Mi sembra che si vadano risolvendo tanti problemi,Tav a parte, ma sono sicura che si sistemerà anche quella, il governo tecnico ha fatto e sta facendo quello che era necessario, senza guardare in faccia nessuno, senza timore di dispiacere ad un elettorato, facendoci sentire un po’ più europei.

Abitando a Roma, vorrei chiedere anche di rendere la città più europea, con qualche metrò in più e gli autobus che arrivano in orario( a Londra ci puoi regolare l’orologio); altrimenti si vive schiavi delle auto o blindati nei propri quartieri.

Sentivo ieri che il PDL vuole fare un’alleanza con il PD..? ma se si tiravano i coltelli fino a ieri?

Dove sono?

Stai esplorando gli archivi per la categoria RICETTE su futili pensieri.